The Fisherman

Marco
The Fisherman

La storia dietro a questo scatto

Quando si dice al posto giusto nel momento giusto 😎

Erano giorni che desideravo andare al lago di Campotosto, in Abruzzo. Ho la fortuna di averlo ad un paio di ore da casa, cosi senza dover pianificare troppe cose, un giorno ho preso la macchina e sono partito per godermi un week-end fotografico.

L'idea iniziale era quella di catturare un tramonto e un'alba del Gran Sasso che si specchia nel lago. Le previsioni meteo non erano delle migliori per il tramonto, ma non ho perso la fiducia anche perchè in montagna si sa che il meteo cambia repentinamente e può bastare anche un minuto per regalarti forti emozioni.

Quando sono arrivato sul posto il colpo d'occhio è stato impressionante. Anche se non c'era una luce ottimale (a dire il vero non c'era proprio perchè era tutto coperto da nuvoloni bassi) riuscivo ad immaginare come sarebbe potuto essere.

Mi sono messo a girare intorno al lago, prima con l'auto e poi a piedi per cercare il punto migliore dove trovare una centralità per la catena montuosa. Una volta trovato lo spot non mi restava che aspettare.

Purtroppo il tramonto è stato (come si dice in gergo) un vero flop; le nuvole basse non hanno permesso ai raggi del sole di filtrare e di illuminare la scena e le stesse nuvole non mi hanno permesso nemmeno di fare qualche scatto in notturna.

Cosi un pò amareggiato sono tornato in auto per mangiare qualcosa, scaldarmi e cercare di riposare un pò prima dell'alba.

Prima di addormentarmi ho dato un ultimo sguardo alle previsioni meteo per l'indomani mattina e tutto sembrava presagire una situazione poco favorevole, ma nonostante tutto non avevo perso le speranze: ero comunque in un posto magnifico che mi stava riempiendo il cuore di emozioni.

Quando ho aperto gli occhi era ancora buio, per la precisione era iniziata l'ora blu, ma le nuvole e una nebbia fitta stavano rendendo tutto ancora molto cupo. Mi sono sistemato ed ho raggiunto lo spot illuminando il cammino con la torcia da testa accesa.

Tempo di bere un caffè ancora tiepido del termos che si cominciavano a vedere i primi bagliori all'orizzonte.

Nel frattempo sulla mia sinistra udivo in lontananza dei tonfi, ma nel buio misto ad un pò di nebbia non riuscivo a capire cosa fossero. Il giorno prima avevo notato che c'era un molo, ma non avrei mai immaginato che fosse ancora utilizzato da qualcuno visto lo stato di abbandono.

Invece pochi minuti dopo sento il rumore di un motore che tentava di avviarsi. Era un pescatore che nonostante il freddo e la nebbia stava uscendo a pescare.

Dentro di me pensavo al pescatore ed a me stesso; eravamo tutti e due li (lui forse inconsapevole che ci fossi anche io) con scopi diversi, ma spinti ognuno dalla propria passione: lui per la pesca, io per la fotografia.

La fortuna quella mattina era dalla mia parte. Pochi istanti dopo un raggio di sole è riuscito a bucare lo strato di nuvole illuminando magicamente tutta la catena montuosa del Gran Sasso, lasciando intravedere in controluce il pescatore che si stava facendo strada tra gli ultimi banchi di nebbia.

Senza pensarci troppo ho preso la fotocamera ed ho scattato. Questo è il risultato finale 🤩

Foto scattata durante questo viaggio fotografico

Le Dolomiti: un'esperienza fotografica incredibile tra scenari mozzafiato

Lorenzo
Lorenzo